Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Lazio non ci sta: “Siamo l’ossessione di Mourinho, parla perché non vince”

S’infiamma la rivalità capitolina

Altro svarione arbitrale e nuovo putiferio. Non c’è pace per Pairetto e Nasca dopo l’errore al Picco sul gol di Acerbi. Un passaggio a vuoto che oltre alla sospensione dei due direttori di gara da parte dell’Aia ha scatenato un fiume di polemiche diventato, ora dopo ora, un oceano.

Il culmine è arrivato nel post partita di Roma-Bologna con l’ennesima punzecchiata di Mourinho: “In 22 anni che alleno due cose non sono cambiate: le domande su chi ha giocato e chi no, e la possibilità di vincere con un gol in fuorigioco. Si poteva 22 anni fa e si può anche adesso, come è successo ieri (sabato, ndr)”.

A rincarare la dose poi ci hanno pensato alcune trasmissioni serali dopo le quali in casa Lazio si è arrivati a una reazione univoca: “Adesso basta”. Non si tratta dei calciatori, anche perché finora Sarri ha lavorato sodo per allontanarli dalle polemiche extra campo. A pervenire allo stremo è stata la dirigenza che, esasperata dagli attacchi su più fronti, dopo qualche giro di telefonate e il via libera del presidente Lotito ha deciso di scendere in campo con un comunicato ufficiale come raramente accaduto in passato: “Il fatto che nel 2022 un allenatore faccia ripetutamente riferimento a presunti favori arbitrali a squadre concorrenti e che, allo stesso tempo, alcuni giornalisti sportivi nazionali si infervorino sullo stesso argomento, dimenticando il loro ruolo professionale e il dovere di imparzialità, dimostra alcune cose“.

Si apre con riferimenti espliciti la nota del club biancoceleste, seguiti dall’elencazione di più punti inaccettabili secondo le proprie vedute. In primis: “Che la Lazio è ossessivamente nei loro pensieri più di altri ambìti obiettivi professionali”. Poi: “Che si guarda in casa degli altri per distogliere l’attenzione da risultati mancati e da clamorosi episodi avvenuti in casa propria sotto gli occhi di tutti”.

E ancora: “Che nonostante la necessità di evolvere l’immagine del calcio in Italia, alcuni protagonisti sono fermi alla costante ripetizione delle accuse agli arbitri e al Var“. E infine: “Che su questi atteggiamenti offensivi verso la categoria degli arbitri e sulla mancanza di obiettività giornalistica troppo spesso si sorvola“. Il derby valica i confini della corsa all’Europa League e diventa uno scontro totale con altre tre gare da disputare e la temperatura destinata ad alzarsi. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa