Resta in contatto

Calciomercato

Dybala alla Roma: ecco perché l’affare può concretizzarsi

La stima di Mourinho, il progetto dei Friedkin e la passione della Joya per le sfide: l’idea di Tiago Pinto può concretizzarsi in caso di Europa

Dybala alla Roma, il sogno può diventare realtà. La notizia rilanciata quest’oggi dal Corriere dello Sport-Stadio sta accendendo l’entusiasmo dei tifosi, sebbene alcuni siano ancora scettici sull’affare: “Costi troppo elevati, ingaggio e commissione importanti. Perché dovrebbe scendere dalla Champions all’Europa League?”. Tutte domande che i tifosi si erano posti poco più di un anno fa su un altro personaggio approdato alla Roma: José Mourinho. Ecco, questo è il primo aspetto del perché la Joya può sbarcare nella capitale: la Roma sta creando un progetto serio, importante, finanziariamente stabile e in continuo sviluppo. Lo dimostrano gli investimenti fatti con lo Special One e Abraham, pagato oltre 40 milioni di euro e con uno stipendio da top player da 5 milioni di euro più bonus.

Dybala alla Roma: perché l’affare è possibile

Ecco, l’ingaggio resta chiaramente un aspetto molto importante sul possibile acquisto del ventottenne argentino. La richiesta economica dell’entourage è stata adeguata ai tempi e al mercato, la Roma lo sa e per questo può cercare di convincere il giocatore con un contratto lungo e con bonus che nel tempo possano consentirgli uno stipendio sempre più alto. Prendere un campione a parametro zero (ma con commissioni) sarebbe per Tiago Pinto un buon investimento e gli consentirebbe di investire il suo tesoretto in altri ruoli.

Ma il sogno Dybala può diventare realtà soprattutto grazie a Mourinho. Lo Special One lo vuole, lo stima e gliel’ha già fatto sapere. “Mi piacerebbe allenarti”, aveva detto al giocatore dopo la sfida contro la Juventus. Dybala stima il tecnico, come normale sia, ma ha anche un debole per Roma e i tifosi della Roma. Lo spettacolo offerto in questa stagione dall’Olimpico ha lasciato a bocca aperta anche la Joya, che si convincerebbe ulteriormente ad approdare alla Roma anche per il calore dei tifosi nei suoi confronti. Lo scrive il Corriere dello Sport.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato