Resta in contatto

News

Ansia da finale? Il cardiologo olandese spiega come prevenire l’infarto

Il cardiologo olandese Van der Ent, intervistato da rijnmond.nl, spiega come prevenire l’infarto da stress per la finale

Mercoledì sera a Tirana andrà in scena la finale di Conference League tra Roma e Feyenoord. Per entrambe le squadre è un’occasione storica. Sarà una partita soltanto per cuori forti, a dirlo è il cardiologo olandese Van der Ent, intervistato da rijnmond.nl. Ecco i consigli del medico per prevenire un infarto da stress “per colpa” della finale europea:

“Le persone empatizzano molto con il loro club. Quell’emozione può essere molto profonda. E si possono avere problemi a causa di quello stress”. E ancora: “L’amore per una squadra può causare palpitazioni, soprattutto se una partita non è andata come speravi. Di solito da questi disturbi ci si riprende, ma a volte le persone finiscono in ospedale – ha continuato Van der Ent -. Palpitazioni, dolore toracico, persone sudate e talvolta molto nauseate, sono i sintomi da non sottovalutare. Guardare lo sport può causare stress emotivo. Il che è anche amplificato, perché spesso lo guardi in compagnia di persone che sono anche sotto stress. Ma fortunatamente di solito va bene”.

Ma c’è un modo per evitare i problemi che una partita come Roma-Feyenoord può causare?

“Non guardare una partita come questa spesso non è una soluzione”, ha iniziato. Piuttosto: “Se già assumi dei farmaci per il tuo cuore, non dimenticare di prenderli. Sii moderato con l’alcol. Non fumare. Questo è davvero molto importante, molto più importante di quanto la gente spesso pensi. Cerca di assistere alla partita ben riposato e dormire bene la notte in anticipo aiuta davvero. Non previene la tensione e lo stress, ma aiuta a renderlo molto più sopportabile”.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News