Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Feyenoord si allena al mare di Mourinho

Gli olandesi in Algarve per preparare la finale

Nella tana del nemico a caccia di un’impresa storica. Il Feyenoord ha scelto la terra natia di Josè Mourinho per preparare la finale di Conference League contro la sua Roma. Gli olandesi, in ritiro a Lagos oramai da due giorni, ieri si sono allenati sotto gli occhi della stampa durante il Media day voluto dalla Uefa: una seduta di oltre due ore a ritmi altissimi sotto il sole cocente del Portogallo.

A differenza di quella andata in scena a Trigoria mercoledì scorso, non si è trattato di una seduta “fake” – così definita dallo Special One – Arne Slot ha infatti incentrato gran parte del lavoro sulla tattica, con una possibile formazione e schemi su calcio da fermo provati davanti ai giornalisti. Per il tecnico le migliori notizie arrivano dall’infermeria: tutti i giocatori che sembravano in dubbio per la sfida di Tirana infatti sono scesi in campo e saranno a disposizione per il match con i giallorossi. Malacia, Tranuer e Nelson, che per precazuone aveva saltato la sfida col Twente hanno lavorato in gruppo, così come Kocku che nell’ultima partita aveva accusato un probelma al polpaccio.

Il rientro più importante è quello del portiere Bijlow, che tornerà tra i pali al posto del non irresistibile Marciano. Il club di Rotterdam rimarrà in Portogallo fino a domani, prima di volare per Tirana a quattro giorni dalla gara più importante della stagione. Intanto Senesi ha risposto alle domande dei cronisti sulla finale: “La Roma arriverà con più ritmo perchè stanno giocando partite importanti. La cosa dell’Italia è reale, Mancini mi ha parlato del suo progetto. Ho parlato anche con lo staff dell’Argentina e ho espresso la mia voglia di giocare per il mio Paese“. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa