Resta in contatto

Prima Squadra

Mancini: “Questa vittoria ripaga il lavoro della stagione. Abbiamo migliorato la classifica”

Le parole del difensore giallorosso

Gianluca Mancini ha parlato ai microfoni di Dazn al termine del match vinto dalla Roma sul campo del Torino. Queste le sue parole:

Obiettivo raggiunto, oggi avete dimostrato maturità
“Sì sono d’accordo. In settimana abbiamo pensato davvero a questa partita. Dopo tutti gli sforzi di quest’anno c’era il rischio di finire anche ottavi e non volevamo, la partita più importante era quella di stasera. Il Torino è una squadra forte che lavora sull’1 contro 1, mentalmente libera. Potevano crearci problemi. Le altre partite ce le siamo complicate da soli, stasera dovevamo solo vincere. Lo abbiamo fatto e questo ripaga il lavoro della stagione”.

Gruppo molto coeso, in campo tante parole per aiutarsi. Hai la sensazione che siate cresciuti da questo punto di vista?
“Certo, lo facciamo perché parlarci in campo ci aiuta. Ci sta anche mandarsi a quel paese tra compagni, fa parte del gioco. Ma abbiamo messo una grande cattiveria. Poi è chiaro che potevamo fare di più. Ma come primo anno del mister abbiamo migliorato la classifica dell’anno scorso e siamo in una finale europea, quindi lavoro soddisfacente”.

Il cambio alla difesa a 3 vi ha dato più solidità. Cosa vi ha detto Mou dopo la fine della partita? Già vi ha proiettato alla finale?
“Il cambio di modulo ci ha reso più compatti, poi in ripartenza abbiamo giocatori devastanti. Il mister ci ha fatto i complimenti per la stagione. Tutte le stagioni sono faticose, quindi ci ha fatto i complimenti. E’ chiaro che qualche parolina sulla finale ce l’ha detta, ci ha caricato. E ora possiamo pensarci”.

Hai già studiato l’attaccante del Feyenoord?
“No, non abbiamo ancora studiato il Feyenoord. Non dico bugie, la nostra partita era quella di stasera e il mister aveva alzato il livello di attenzione sul Torino perché vincere era fondamentale. Vincere oggi ci fa lavorare meglio per 5 giorni, ma non abbiamo studiato il Feyenoord. Inizieremo a farlo da domenica, per portare a Roma ciò che Roma si merita. Poi le finali si giocano con tutto, quindi è normale che li studieremo”.

L’impatto di Abraham?
“Tammy è un ragazzo molto generoso, si è adattato benissimo con i nuovi compagni, si fa voler bene e ha qualità molto importanti. Non si ricordano tanti attaccanti che vengano da fuori fare 25-26 gol in una stagione. Un ragazzo eccezionale e un professionista eccezionale. Speriamo che da mercoledì alle 11.30 sia il capocannoniere della Conference”.

Ti toccherà marcarlo in allenamento però
“Sì ma è meglio avere giocatori forti in squadra con cui allenarsi, più ce ne sono, meglio è”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra