Resta in contatto

News

Candela: “Mourinho è un vincente, convincerà Dybala. Andrò a Tirana”

Vincent Candela è stato intervistato questo pomeriggio

Vincent Candela è stato intervistato da Sky Sport: ecco le sue parole

Sei in tensione per la finale?
“Sono sereno, punto su Mourinho che ha qualità e difetti, ma è un vincente. Mi aspetto che andiamo lì per vincere, è un bel trofeo, sarebbe importante per ripartire e affrontare il prossimo campionato. Ci vado, vogliamo vincere”.

Stasera c’è Torino-Roma, Mourinho è l’uomo giusto per gestire?
“Mercoledì è la finale, ma è fondamentale entrare in Europa League, dobbiamo vincere senza se e senza ma. È importante per i tifosi che quest’anno sono stati meravigliosi. Contro il Venezia mi sono emozionato, mi aspetto una vittoria questa sera per entrare in Europa League”.

Il 20 maggio 2001, 21 anni fa, segnavi a Bari e Capello disse che sarebbero stati i punti scudetto.
“Ho un bel rapporto con Capello. Era importante vincere a Bari, era il primo gol e poi siamo andati sul 4-0. La Roma è sempre dentro il mio cuore, ma non mi ricordavo questa cosa”.

Come vede una coppia Dybala-Abraham?
“Si può giocare anche con Zaniolo, è un patrimonio importante del calcio. Con la fiducia dell’allenatore Dybala è un giocatore fantastico. Magari! Ci penseranno la Roma e Mourinho a convincerlo, sarebbe bello vederli in campo, anche con Mkhitaryan, Zaniolo e Pellegrini. Abbiamo una grande squadra con 2-3 grandi campioni, Dybala sarebbe davvero interessante”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News