Resta in contatto

Prima Squadra

Abraham: “Vogliamo vincere la finale per chiudere il cerchio”

Le dichiarazioni dell’attaccante giallorosso in vista della finale di Tirana contro il Feyenoord

Tammy Abraham ha parlato ai microfoni della Roma in vista della finale di Conference League contro il Feyenoord. Le sue parole: “Per me una finale è una finale. Che sia di Champions League, del Mondiale, o della Conference League è una finale. E la voglio vincere, i miei compagni la vogliono vincere, tutta la Roma la vuole vincere. Per noi è importante, vogliamo prepararci al meglio sia mentalmente che fisicamente. E’ stata una stagione lunga e difficile e vogliamo farci trovare pronti”.

Come valuti la tua prima stagione in Italia?
“E’ stata una stagione fantastica. Una stagione ed un anno incredibili. Quando sono arrivato qui il mio obiettivo era aiutare il più possibile la squadra. Volevo arrivare in finale e vincere qualche trofeo. Siamo sulla strada giusta e siamo in finale e già per questo abbiamo fatto la storia. Siamo in finale e ora vogliamo finire il lavoro per chiudere un cerchio perfetto”.

Cosa significherebbe per i tifosi vincere la coppa?
“I tifosi te lo fanno capire ogni giorno. Per un club così importante e con questa storia, la bacheca dovrebbe vantare molti più trofei. Con dei tifosi così, con i grandi giocatori che hanno vestito questa maglia… ma essere qui e giocarmi una finale con la Roma… puoi solo immaginare come si sentano i tifosi e come ci sentiamo noi giocatori”.

Quale sarebbe la ciciliegina sulla torta di questa stagione?
“Segnare in finale sarebbe un sogno per me e per tutti. Soprattutto poi se vincessimo la coppa. Sogno momenti come questo da quando sono bambino. Ma a me basta vincere, non importa chi segna. Voglio vincere e basta”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra