Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Friedkin, adesso la svolta

I Friedkin con il loro grande lavoro silenzioso hanno contribuito al trionfo in coppa. Adesso Mou vuole il definitivo salto di qualità

Mourinho chiama. Ora tocca ai Friedkin rispondere. Non che la proprietà Usa non l’abbia già fatto. Ìn queste ore di gioia, non va dimenticato infatti il lavoro silente di Dan e Ryan. Padre e figlio, hanno impiegato poco meno di due anni (il 6 agosto del 2020 andò in scena la firma sul preliminare d’acquisto con il Gruppo Pallotta) per stravolgere la Roma.

Poche parole ma un titulo, per dirla alla José. Quello della ripartenza, della speranza in un futuro sempre più coinvolgente e radioso. Proprio quello che si aspetta José che ieri, in modo edulcorato ma deciso, ha lasciato intendere di voler capire quali saranno i prossimi programmi societari.I piani finanziari legati al club sono chiari da tempo. Primo obiettivo: lancio dell’Opa (per il quale la Consob nei giorni scorsi ha chiesto maggiori delucidazioni) e delisting, ossia uscita dalla Borsa. Un modo per allentare in qualche modo la morsa della Uefa.

Perché l’investimento totale sulla Roma si aggira ormai sui 550 milioni. Il tutto in meno di due anni. Senza contare che a questi, vanno sommati anche i 100 milioni stanziati per il primo mercato di Mourinho la scorsa estate. Ora José chiede uno sforzo in più. L’obiettivo è rafforzare la squadra senza perdere di obiettivo i conti, che debbono essere sistemati nel medio termine. Tradotto: sarà il primo anno, dove oltre alle entrate non bisognerà perdere di vista le uscite. Ma se Mourinho, in un momento di gioia, pur con le dovute accortezze ritiene di doverlo precisare, sta a significare che alcune dinamiche vanno ancora definite. In primis sulla permanenza di alcuni calciatori ritenuti fondamentali dall’allenatore: Mkhitaryan, Cristante e Zaniolo. Andiamo con ordine.

L’armeno a breve si svincolerà. La Roma gli ha proposto un nuovo contratto annuale (con opzione per il secondo che scatta dopo un numero esiguo di gare) a 3,5 milioni più bonus. Micky ha in mano una proposta biennale dell’Intera cifre che con i benefits sono più alte e ha preso tempo.

Discorso simile per Cristante: il centrocampista è stato sondato da Milan, Siviglia e Juventus ma aspetta il rilancio giallorosso. Vuole guadagnare quanto Mancini (3,5 milioni). Con l’agente di Bryan sarà l’occasione per tornare a parlare di Frattesi. Trattativa non semplice (ha proposte dall’Inter e dalla Premier) nonostante a Trigoria detengano il 30% sulla futura rivendita.

C’è poi Zaniolo. La vicenda è nota. Bisogna capire se il gol di Tirana può cambiare una storia che, prima di mercoledì, aveva preso una china lontana da Roma. Poi ci sarà il tempo di pensare agli acquisti: un esterno tra Dalot e Christensen, un centrale difensivo come Senesi, un regista alla Douglas Luiz e un’ala che abbia feeling con la porta avversaria: Guedes il preferito. Se è vero, come ricordato da Mou, “la Roma non prenderà Mbappé“, per la scalata alla Champions servono almeno 4-5 innesti. Lo scrive il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa