Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, Zaniolo a Trigoria ma addio vicino: la Juventus è a un passo

L’addio alla Roma è sempre più vicino

L’incontro sarà breve e poco intenso. Oggi si riaprono i cancelli di Trigoria anche per Zaniolo, ma la permanenza del numero 22 è agli sgoccioli. Già venerdì, infatti, Nicolò potrebbe trovarsi al JMedical per le visite mediche visti gli enormi passi in avanti sulla trattativa che lo porterà alla Juventus. Non sono previsti colloqui particolari con dirigenza o tecnico. La questione è nota a tutti: a meno di clamorose sorprese il giocatore andrà a Torino visto che la Juve ha deciso di accontentare la Roma. Niente contropartite ma una somma vicina ai 55 milioni. Non tutti insieme ovviamente. Un’operazione alla Chiesa che prevede 10 milioni subito per il prestito e il resto rateizzato con l’obbligo di riscatto. A Zaniolo un quadriennale da 4 milioni.

Una perdita importante ma anche una liberazione per Mourinho che voleva risolvere la questione il prima possibile e che ora attende immediatamente il sostituto. Il tecnico ha appeso alla parete del suo ufficio la foto in cui bacia la Conference sotto a quelle con la Champions e l’Europa League. Un trittico di primi che non placa l’appetito. Il ritiro sarà subito strong (doppie sedute) e con la massima privacy. Alla spicciolata torneranno anche i nazionali tra cui capitan Pellegrini, Celik e (probabilmente) Frattesi per il quale ci sarà un rilancio in queste ore. Il 12 la partenza per il Portogallo e quasi 10 amichevoli tra cui Sunderland (13 luglio), Portimonense (16), Sporting (19), Nizza (23), Tottenham (30) e Shakthar (6 agosto). Lo scrive Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa