Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, 4 mosse per lo scudetto

Mourinho e Tiago Pinto al lavoro per una grande Roma

José Mourinho ha convinto la squadra che il Quadrato Magico è uno spazio tecnico-tattico in cui trovare il futuro, e nello stesso tempo i calciatori hanno capito che la formula dei 4 assi, così affascinante, si può sostenere.

La vittoria col Tottenham, d’altronde, è sembrata la chiave di volta di questa costruzione. Posti tutti i limiti che occorrono a una amichevole avere la meglio su una delle attuali grandi d’Inghilterra ha fornito una queste certezze: 1) la conferma che schierando insieme quattro giocatori dal potenziale offensivo come quello fornito da Pellegrini, Zaniolo, Dybala e Abraham i rischi per gli avversari sono costanti; 2) la presa di coscienza che, quando il sacrificio di squadra è condiviso, anche la fase difensiva può essere eccellente, e lo ha dimostrato il fatto che la squadra di Conte non ha fatto neppure un tiro nello specchio della porta giallorossa.

In questo senso pare essere rimasti al 25 maggio: una Roma capace di fare gol nel primo tempo e poi di reggere l’urto del ritorno avversario. Davanti a una garanzia come Rui Patricio, d’altronde, ci sono quei tre.

Se Mancini e Ibanez – quest’ultimo anche in veste di match winner sfruttando un assist proprio dell’ultimo arrivato Dybala – continuano il loro processo di crescita, Smalling sta diventando una sorta di miracolo di longevità agonistica. L’impressione è che Mourinho, a dispetto del progetto iniziale dei Friedkin di due anni fa, abbia avuto progressivamente il via libera per la costruzione di un “instant team”.

Un altro motivo di ottimismo è dovuto alla rosa. Segnalato come nella scorsa stagione il numero degli infortuni muscolari si sia ridotto di circa il trenta per cento, Mourinho ha davvero due giocatori per ruolo o quasi. E tutto questo, in attesa di poter inserire anche Wijnaldum e Belotti.

Davanti, poi, questa Roma è da effetti speciali. Pellegrini è il paradigma della duttilità, Zaniolo sembra essersi definitivamente messo alle spalle il doppio infortunio ed è in grado di esprimere quella potenza in campo aperto che lo fa diventare devastante. Dybala non ha bisogno di presentazioni: è genio e classe, in grado di segnare o far segnare con la stessa facilità. Infine c’è Abraham, l’uomo dai 27 gol alla sua prima stagione italiana, che sembra essere cresciuto nella consapevolezza del proprio valore. Se tutti e quattro dimostreranno quello spirito di sacrificio messo in mostra contro il Tottenham, il Quadrato Magico sarà una costante.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa