Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho riscopre l’abbondanza: Friedkin sta costruendo un “instant team”

La rosa subito pronta per un altro successo, dopo la Conference

Fategli fare il suo mestiere e non vi deluderà. Quello che Mourinho voleva sin dall’inizio sta diventando realtà. Prima del previsto. Perché la Roma in via di costruzione assomiglia sempre più a un “instant team” pronto per competere subito ai massimi livelli e rendere la vittoria della Conference League un punto di partenza.

È oggettivo che la rosa di quest’anno sarà di un livello superiore a quella trovata al suo arrivo. Più qualità, più ricambi in ogni reparto, più esperienza.

Da Dybala a Matic, passando al prossimo acquisto Wijnaldum fino ai possibili innesti di Belotti e Bailly (o chi per lui), sta nascendo una Roma con due opzioni «vere» per ogni ruolo. A cominciare dall’attacco. Ad oggi, in un’ipotetica formazione titolare con Pellegrini e Dybala dietro Abraham, resterebbe fuori Zaniolo. E se dovesse arrivare, Belotti sarebbe il centravanti di riserva. Un bel salto in avanti che dimostra la voglia della Roma di crescere in fretta.

La fascia sinistra è l’altra zona di campo dove c’è l’imbarazzo della scelta, tra il talento sempre più evidente di Zalewski, il ritorno di un voglioso Spinazzola e Viña diventato solo una terza opzione. A destra, invece, l’affidabilità di Celik sembra nettamente superiore a quella di Maitland-Niles, per consentire a Karsdorp di rifiatare.

Anche il centrocampo, con l’imminente arrivo di Wijnaldum e la possibile conferma di Veretout avrebbe poco da invidiare a quello delle big del campionato.L’esperienza di un fedelissimo di Mou come Matic, la costanza di Cristante, l’esplosività del nuovo acquisto olandese e l’energia di Bove regalano al tecnico la possibilità di scegliere e mixare le caratteristiche diverse.

La batteria dei difensori centrali, con la conferma della linea a 3, è quella meno nutrita, con il solo Kumbulla alternativa di ruolo. Ecco perché Pinto continua a tenere d’occhio le occasioni di mercato. Alle spalle di Rui Patricio è arrivato il giovane Svilar che vuole mettersi in mostra. Insomma adesso, voltandosi verso la panchina, Mourinho si sente molto più confortato. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa