Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sì alle cessioni, ma le condizioni le detta Tiago

Il gm giallorosso non fa sconti: solo cessioni a titolo definitivo

Per un mercato in entrata da fuochi d’artificio ce n’è uno in uscita ancora bloccato. O meglio, ancora da delineare secondo le ferme volontà della Roma. Le cessioni saranno a titolo definitivo o in prestito con condizioni di obbligatorietà facilmente realizzabili.

Una linea che Tiago Pinto sta tenendo con fermezza, a conferma di come quest’anno si voglia agire sul mercato da grande club. Anche in uscita. Un perimetro stringente da cui la Roma non ha intenzione di indietreggiare ad un mese dalla chiusura del mercato. Azione più che reazione, a costo di rischiare un apparente stallo delle cessioni.

Situazioni diverse sulle quali la società continua a lavorare. Bologna, Torino e Wolves spingono per avere Shomurodov, che però partirà solo in prestito con obbligo di riscatto. Con Kluivert, che da oggi sarà aggregato al gruppo degli epurati, si punta alla massima remunerazione, visto che l’olandese ha mercato ed è fortemente richiesto da Fulham e Nizza. Su Carles Perez invece la Roma non fa sconti al Celta Vigo, che spinge per un prestito secco con contributo sull’ingaggio, forte della volontà dello spagnolo.

Discorso simile per Villar alla Sampdoria e per Calafiori, entrambi a margine del progetto tecnico e certamente in uscita. Capitolo a parte merita Diawara con cui si arriverà al muro contro muro, visto che il calciatore continua a rifiutare ogni destinazione.Per El Shaarawy e Veretout, anche loro in uscita, si farà un discorso di opportunità. Se dovessero arrivare offerte si valuteranno, ma senza l’assillo della cessione a tutti i costi.  Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa