Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Esodo vietato a Salerno: solo in 2 mila con i giallorossi

Pochi tagliandi a disposizione dei tifosi giallorossi

Se ci fosse la possibilità, molto probabilmente domenica la Roma giocherebbe quasi in casa in quel di Salerno. Perché l’entusiasmo intorno alla squadra giallorossa è così alto in questo momento che i tifosi romanisti seguirebbero la squadra ovunque, figuriamoci a meno di 300 chilometri di distanza.

Basti pensare che domenica, in pieno agosto, all’Olimpico c’erano oltre 65mila persone per assistere alla presentazione ufficiale e alla conseguente partita contro gli ucraini dello Shakhtar Donetsk. Un entusiasmo dilagante, che però non potrà essere replicato allo stadio Arechi, anche per ovvi motivi di sicurezza.

Saranno infatti circa 2mila i tifosi giallorossi al seguito della squadra, quelli che in realtà possono entrare come numero massimo nel settore ospiti dello stadio di Salerno. La partita, infatti, è “connotata da elevati profili di rischio”, come fatto presente dal Ministero dell’Interno, tramite l’Osservatorio della Manifestazioni Sportive, che qualche giorno fa ha pubblicato un documento nel quale sono state indicate alcune delle disposizioni di sicurezza di base per la partita in programma il 14 agosto. Oggi poi ci sarà la riunione del Gos, che probabilmente porrà in essere altre piccole limitazioni. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa