Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stop Shomurodov, Belotti freme

In salita il passaggio dell’uzbeko al Bologna

Per Eldor Shomurodov la strada verso Bologna è diventata in salita. L’uzbeko, obiettivo dichiarato dei rossoblu, non si muoverà da Trigoria se non alle condizioni dettate da Tiago Pinto: vale a dire, in prestito con obbligo di riscatto – a condizioni facilmente raggiungibili – fissato a 15 milioni di euro.

Una cifra ritenuta spropositata dagli emiliani, che rischia di complicare una trattativa che sembrava ben avviata. Il Bologna non vorrebbe spingersi oltre i 10 milioni di euro più bonus, legando l’obbligo di riscatto ad obiettivi individuali e di squadra. Uno stallo che complica i piani del general manager giallorosso che da giorni ha raggiunto un’intesa con Belotti.

Per annunciare il Gallo però è necessario prima cedere uno degli attaccanti attualmente in rosa: la partenza di Carles Perez infatti, che ieri è stato ufficializzato dal Celta Vigo, rischia di non bastare.

Per questo i due principali indiziati a fare le valigie (oltre a Shomurodov) sono Felix – che piace a Salernitana e Sassuolo – ed El Shaarawy che per ora non ha ricevuto offerte. Soltanto quando saranno sciolti i nodi che riguardano gli esuberi e il reparto offensivo, il club si concentrerà sul quinto difensore centrale che Mourinho vorrebbe in rosa. Lo scrive “Il Tempo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa