Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ultimatum Belotti

Il tempo sta scadendo, Belotti rischia di saltare

Adesso il tempo non è più alleato della Roma nella corsa a Belotti. Perché arrivare alla vigilia della prima giornata di campionato da disoccupato non era certamente nei piani del Gallo, che fino ad oggi ha aspettato la Roma – affascinato all’idea di lavorare con Mourinho – ma adesso sta prendendo in considerazione l’idea di accettare una delle altre offerte arrivate al suo entourage nel corso dell’estate.

Non si tratta ancora di una rottura ma l’idea di iniziare la stagione senza una squadra non piace al giocatore. Dal giorno dell’addio al Torino infatti, ha svolto tutta la preparazione estiva in maniera individuale. Alla porta dell’attaccante hanno bussato diverse squadre estere e, se l’interessamento della Roma non dovesse concretizzarsi a breve, è probabile che Belotti decida di fare le valigie per provare un’esperienza lontano dall’Italia: in Francia Monaco e Nizza hanno presentato da tempo le loro offerte mentre nelle ultime settimane anche un paio di club turchi hanno sondato il terreno.

A Trigoria non vorrebbero lasciarsi sfuggire l’occasione ma, al momento Tiago Pinto non può chiudere: senza la cessione a titolo definitivo di uno tra Shomurodv e Felix, non arriveranno nuovi rinforzi per il reparto offensivo. E per adesso nessuno dei due è vicino a lasciare la Capitale. La trattativa con il Bologna per Shomurodov si è raffreddata – le parti sono distanti – mentre per Felix non sono ancora arrivate offerte ufficiali. Inoltre il general manager sta facendo i conti con il «nodo fuori rosa». Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa