Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Belotti a tutti i costi. Ma le cessioni sono in stallo

Mou insiste per il Gallo

Per Belotti siamo entrati nella settimana decisiva. La trattativa con il Bologna per Shomurodov si è arenata e quindi Tiago Pinto deve cercare altre soluzioni per riuscire a ingaggiare Belotti. Il Bologna non vuole impegnarsi con un obbligo di riscatto abbastanza oneroso per un giocatore di 27 anni. Per Felix non ci sono stati passi avanti con la Salernitana, le richieste della Roma sono troppo elevate per il club campano, De Sanctis e Tiago Pinto ne hanno parlato anche a Salerno. Il club campano, che deve completare l’organico con un altro attaccante, non può aspettare. L’accordo con Belotti è stato trovato da tempo, con un contratto triennale da poco meno di 3 milioni di euro annui a stagione più i bonus, su di lui anche il Nizza, che è la più interessante, mentre il Galatasaray non lo convince in pieno.

Leggi anche: KLUIVERT S’IMPUNTA E VUOLE SOLO IL FULHAM

Tiago Pinto oggi è stato tutto il giorno al lavoro a Trigoria. Mou è stato chiaro: «Se mi chiedete se vorrei sostituire attaccanti di un certo livello con altri dello stesso livello quello è un discorso che spetta a City, Liverpool e altre italiane». Come dire che Felix e Shomurodov non raggiungono il livello che vuole Mourinho, tanto che nel finale ha cambiato gli attaccanti e non li ha presi in considerazione. Mourinho vuole Belotti. E’ il centravanti che può completare il reparto e poi non andrà al Mondiale, a differenza di Abraham e Dybala. A Mourinho serve a tutti i costi. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato