Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Conto alla rovescia

Si avvicina il rinnovo di Zaniolo, Belotti rimane in stand by

Ogni giorno che passa senza novità lo tiene sempre più vicino alla Roma. Non si può ancora dire con certezza, ma il futuro di Nicolò Zaniolo è in giallorosso. Almeno per quest’anno. Il mercato chiude il primo settembre, il conto alla rovescia è partito e ci sono ottime possibilità che si chiuda senza sorprese. Di offerte concrete non c’è traccia. La conferma è arrivata durante l’incontro di ieri a Milano tra Tiago Pinto e il procuratore del talento giallorosso, Claudio Vigorelli.

L’argomento Zaniolo è stato appena sfiorato perché al momento non ci sono novità di cui discutere. La Roma non ha mai chiuso le porte alla sua cessione e a dire il vero non può farlo neppure adesso, ma nella tournée in Portogallo qualcosa è cambiato, anche grazie all’intervento di Mourinho che ha rassicurato Zaniolo e gli ha dimostrato che lo considera ancora una pedina fondamentale nella squadra, nonostante l’arrivo di Dybala.

Se Zaniolo resterà, la Roma intende avviare a settembre le trattative per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2024. Ora Nicolò guadagna poco più di 2 milioni netti, portarlo ai livelli di Pellegrini, Dybala e Abraham (6 milioni circa premi compresi) potrebbe essere una soluzione che accontenterebbe tutti.

Pinto lavorerà anche oggi a Milano, nella speranza di sbloccare qualche cessione. Kluivert vuole solo il Fulham che però insiste sul prestito, non basterà comunque la sua partenza per prendere Belotti. Che aspetta ancora la Roma. Ma il Gallo non può arrivare se non partirà a titolo definitivo uno tra Shomurodov e Felix.

A meno che Mourinho non convinca pure stavolta i Friedkin a cambiare i piani consegnati a Pinto, anche nell’ottica di un mercato da chiudere in attivo e propedeutico all’accordo con la Uefa sul nuovo Fair Play Finanziario. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa