Resta in contatto

Rassegna Stampa

Digitalbits e i soldi virtuali: non paga l’Inter, la Roma vigila

Digitalbits

La situazione dello sponsor giallorosso

Il mondo ha scoperto Digitalbits in un giorno di luglio del 2021: quel marchio destava curiosità accanto al volto di Mourinho, in Campidoglio. Qualche giorno dopo era sulle maglie della Roma, e poi dell’Inter. Contratti milionari di sponsorizzazione, grandi promesse: di cui oggi resta poco, se non nulla. Al punto che l’Inter, non essendo stata pagata, ha iniziato a cancellare il brand dalle maglie delle giovanili. Digitalbits è il marchio di una crypto factory, cioè una società che emette criptovaluta: si chiama Zytara e ha base alle Cayman. Il fondatore è Al Burgio, nato in un villaggio agricolo dell’Ontario, varie e non fortunatissime esperienze imprenditoriali nel mondo di internet.

Fino a quando nel 2021 non ha incontrato la Roma. Contratto di 3 anni, 5 milioni il primo, 10 il secondo, 21 il terzo: 36 milioni totali, negli ambienti delle crypto giurano che parte del compenso sia legata al rendimento e versato in valuta digitale, la Roma smentisce: solo cash. Prima del contratto con i giallorossi, la “moneta” Digitalbits era piuttosto statica: dopo, il suo valore si è impennato da 0,07 a 0,72 euro, dieci volte tanto. A quel punto il dossier è finito sulle scrivanie dell’Inter: Zytara è subentrata dal 1° luglio a Socios come principale sponsor nerazzurro, impegnandosi per 85 milioni in 4 anni. Ma i primi trasferimenti non ci sono stati. Insomma, non sta pagando.

La criptovaluta è scomparsa anche dagli sfondi per le interviste. Non dalla prima maglia dell’Inter. Il motivo? La Nike, sponsor invece solidissimo, ha già prodotto centinaia di migliaia di divise con quel brand sul petto. Fosse tolto, chi comprerebbe più le maglie già stampate? Non è escluso che il rapporto si possa concludere per vie legali con la rescissone unilaterale. Come è ovvio, Roma e Inter si sono confrontate, ma per i giallorossi la questione oggi è diversa. La relazione tra la Roma e Digitalbits è ancora positiva, i pagamenti regolari: Al Burgio potrebbe essere all’Olimpico lunedì. Certo, la società è vigile (Toyota è il nuovo sponsor per le maglie d’allenamento) e monitora la situazione. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa