Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, Belotti solo per Mourinho: Pellegrini & Co. lo aspettano

Belotti spera di chiudere la sua odissea da disoccupato entro il fine settimana

Andrea Belotti spera di chiudere la sua odissea da disoccupato entro il fine settimana. Il forte pressing di Mourinho ha portato il giocatore ad aspettare ancora e la società a intensificare le trattative per le cessioni propedeutiche all’ingaggio del Gallo.

Ci sono due tavoli aperti, per le cessioni di Kluivert al Fulham e Felix alla Cremonese. Per il ghanese la Roma chiede dieci milioni per l’obbligo di riscatto, ma a quelle cifre la Cremonese non può arrivarci. Belotti andrebbe a guadagnare di più al Galatasary e anche al Nizza.

Dalla Premier si sono fatti avanti anche il Wolverhampton e il Southampton. Ma aspetta la Roma. Per lui è pronto un contratto triennale da circa 2,8 milioni di euro a stagione più bonus. L’ex attaccante granata potrebbe arrivare nella Capitale nei prossimi giorni.

A Trigoria si parla tanto di Belotti, che ha molti amici tra i giallorossi, a cominciare dai compagni in Nazionale per finire a Dybala, con il quale ha giocato giovanissimo nel Palermo.

Belotti continua a trascorrere questo periodo di inattività a Palermo, anche ieri si è allenato allo Sport Village di Tommaso Natale, dove si allenano anche le squadre giovanili del Palermo. A volte invece va a lavorare in una palestra vicino al Giardino Inglese. A giorni dovrebbe lasciare la Sicilia, con la speranza di prendere un volo per Roma.

Lo scrive il Corriere dello Sport.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa