Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Bentornati a casa. Mourinho vuole cambiare marcia all’Olimpico: troppi pari lo scorso anno

L’anno scorso per la Roma in casa 36 punti in 19 gare: troppo poco. Mourinho vuole cambiare le cose: stanotte calciatori in ritiro a Trigoria

È tornata a essere la casa più bella d’Italia. Ora bisogna godersela meglio. Domani la Roma farà il debutto casalingo in campionato contro la Cremonese e ritroverà lo stadio come lo aveva lasciato nella splendida serata della presentazione contro lo Shakhtar e nelle ultime sei gara della scorsa stagione: tutto pieno.

Lo stesso accadrà martedì 30, quando arriverà il Monza. La spinta impressionante e ininterrotta del popolo romanista va sfruttata per vincere più partite rispetto allo scorso anno, quando la squadra di Mourinho ha lasciato qualche punto di troppo ai rivali passati per l’Olimpico. Otto quelli buttati nei pareggi contro Sampdoria, Genoa, Bologna e Venezia, per non parlare dei tre regalati alla Juventus dopo il doppio vantaggio costruito.

I 36 punti conquistati nelle 19 gare casalinghe della passata stagione sono un bottino certamente migliorabile. Mourinho lo sa e non vuole scherzi sin dalla prima partita con la Cremonese. Per tenere alta la concentrazione ha ordinato il ritiro a Trigoria stasera dopo l’allenamento fissato nell’insolito orario delle 18. Non sempre i giocatori sono obbligati a dormire nel centro sportivo alla vigilia dei match all’Olimpico, il fatto che stavolta accada sta a sottolineare l’importanza dell’impegno.

Per vincere la tipica gara che rischia di essere presa sotto gamba il tecnico dovrebbe riproporre inizialmente la stessa formazione che ha schierato a Salerno. Il dubbio a sinistra lo ha risolto in partenza Zalewski, bloccato nei giorni scorsi dalla febbre e domani destinato quindi alla panchina. Wijnaldum dovrà probabilmente attendere la sfida di sabato 27 in casa della Juventus per debuttare da titolare, ma con la Cremonese, prima o dopo, avrà altro spazio. Pellegrini è quindi pronto a scalare di nuovo in mediana al fianco di Cristante, favorito su Matic, con Zaniolo e Dybala a supporto di Abraham. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa