Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Juve, eccomi: prima da ex per Dybala

Sabato la Joya tornerà allo Stadium

Non ci sarà bisogno di nascondersi per capire l’emozione che accompagnerà il ritorno di Dybala a Torino. Quella si è intuita già il giorno della presentazione a Trigoria con quel rispetto profuso nei confronti della sua ex squadra (“Chiaramente non esulterò se dovessi segnare contro la Juventus”) che ha fatto storcere il naso a chi è cresciuto a pane e Falcão. Altri tempi, altre squadre, probabilmente anche altri tifosi.

L’avvicinamento al big match di sabato a Torino è diverso e vede la Roma guardare dall’alto in basso i bianconeri. Ok, siamo soltanto alla seconda giornata ma fa sempre un certo effetto. Tra l’altro se è vero che la Roma si presenterà a Torino priva di due perni come Zaniolo e Wijnaldum, la squadra appare già aver assimilato al secondo anno la filosofia del suo Vate in panchina.

I due successi per 1-0 con Salernitana e Cremonese (che portano il totale, dall’arrivo di Mourinho, a 8) sono lì a confermarlo. Per un’estate a fantasticare sui magnifici 4 e alla fine a fare la differenza è la solidità difensiva con le reti risolutive di un centrocampista rimodellato mediano (Cristante) e di un difensore (Smalling). I gol arriveranno, come ha detto José, intanto l’importante è non prenderli.

E l’esame di sabato è significativo. Oltre al tabù Juventus Stadium (12 ko e appena un successo, a porte chiuse e con i bianconeri già campioni d’Italia che schierarono le seconde linee) il match contro la squadra di Allegri potrebbe rivelarsi un importante crocevia stagionale.

Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa