Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Pinto: “L’obiettivo è migliorare e siamo sulla strada giusta. Oggi vogliamo vincere”

Il General Manager giallorosso: “La nostra preoccupazione è diventare più forti ogni giorno. Siamo concentrati sulla partita e vogliamo dare risposte alla squadra”

Tiago Pinto ha parlato ai microfoni di DAZN prima di Juventus-Roma. Di seguito le parole del General Manager giallorosso.

Questo è il primo scontro diretto. In queste partite vi aspettate una crescita?
“Noi possiamo usare questi numeri come vogliamo. La stagione scorsa si diceva così poi Atalanta. Ora si dice dei due punti con quelle che sono arrivate in Champions. La Serie A è competitiva. Chiaro che oggi giocare contro di loro è difficile, noi dobbiamo dare una risposta. Per vincere è veramente difficile. La nostra mentalità è che ogni partita deve essere la Juventus”.

La Roma si è avvicinata molto alle prime. Quando potrà lottare per i primi posti?
“Penso che quando abbiamo preso Mourinho sapevamo cosa andavamo a prendere. Come abbiamo fatto la scorsa stagione, vogliamo migliorare sempre. Per vincere noi ci siamo. Non dobbiamo avere paura di dire che siamo lontani da quelli che negli ultimi anni hanno lottato per lo scudetto. La nostra preoccupazione è diventare più forti ogni giorno. Mourinho carica tutti per diventare ancora migliori e siamo sulla strada giusta. È presto per lo scudetto”.

Fatta per Belotti? Cosa aggiunge alla Roma?
“Io volevo capire se fosse una domanda o un’affermazione (ride ndr). Siamo concentrati sulla partita e vogliamo dare risposte alla squadra. Mancano 5 giorni al mercato. Oggi Belotti non c’è e noi vogliamo vincere la partita”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra