Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Kluivert rinnova e vola al Valencia dove giocò anche papà Patrick

Sbloccata last minute la partenza dell’olandese

Il danno è doloroso, l’alternativa si è palesata solamente in extremis e non è – e non poteva essere – dello stesso livello. Dopo il trasferimento saltato al Fulham per la mancanza del permesso di lavoro, Justin Kluivert da ieri è un giocatore del Valencia.

L’attaccante olandese della Roma sbarca così in Spagna in prestito gratuito (a fronte dei 9,5 milioni di euro più il 20% sulla futura rivendita della cessione saltata agli inglesi), con alcuni bonus che potrebbero trasformare il prestito da gratuito in oneroso (legati alle prestazioni individuali ed ai risultati di squadra). Al prestito è poi associato un diritto di riscatto a 15 milioni di euro che se dovesse concretizzarsi renderebbe ovviamente la Roma assai contenta dell’operazione. Da ieri sera, comunque, Justin è a Valencia per la sua nuova avventura.

Per sicurezza, la Roma ieri aveva già reinserito Kluivert nelle liste della Lega calcio, lista pubblicata anche online. Poi si è aperta l’opportunità del Valencia, dove Justin va volentieri anche perché conosce assai bene la città.

Lì, infatti, ci ha giocato papà Patrick nel 2005-06 e anche se in quell’anno Justin era già una giovane stellina delle giovanili dell’Ajax, i giorni passati in Spagna sono stati molti e piacevoli. Contestualmente Kluivert ha anche allungato il suo contratto con la Roma di un anno, portandolo dal 2024 al 2025. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa