Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Abraham, spalla ok ma andrà in panchina: Mourinho lancia Belotti

Domani la punta inglese potrebbe partire dalla panchina

La buona notizia, per Abraham, è che l’infortunio alla spalla sinistra che lo ha costretto ad uscire dal campo prima della fine a Udine, non ha lasciato particolari strascichi. Ieri, due giorni dopo la botta, il calciatore e lo staff medico della Roma hanno fatto un punto della situazione e dopo un’attenta valutazione hanno deciso che non c’è bisogno di fare ulteriori esami strumentali. Il numero 9 è quindi abile e sarà convocato per la gara d’esordio di Europa League di domani sera (ore 18.45) a Razgrad con i bulgari del Ludogorets.

Non è detto però che l’inglese giocherà dal primo minuto, anzi è più che probabile che parta dalla panchina per lasciare spazio a Belotti, al suo esordio da titolare in maglia giallorossa. Non è un buon momento per il capocannoniere della passata stagione, in cui ha realizzato 27 reti tra campionato e coppe. Il gol segnato a Torino contro la Juventus è stato pesantissimo perché ha evitato ai giallorossi la sconfitta, ma finora è rimasto un episodio isolato dentro a prestazioni in cui non ha brillato particolarmente, ad eccezione della gara casalinga con il Monza in cui ha partecipato ad entrambe le reti messe a segno da Dybala.

Mourinho lo pungola (“Ha giocato una partita orribile“, ha detto dopo la gara e il gol contro la Juventus) e lo coccola (“Ha giocato come voglio io, è il mio Tammy“, il suo pensiero dopo la vittoria col Monza), consapevole che quest’anno ha un’arma in più da giocarsi, che risponde al nome di Belotti.

Lo riporta il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa