Resta in contatto

Rassegna Stampa

Abraham & Co. Ora servono i gol

Mourinho recupera Abraham per la trasferta di Empoli e spera nei suoi gol

Certi numeri non mentono. Nella Roma che ha improvvisamente perso solidità difensiva – 6 gol incassati in due partite dopo averne presi solo 12 nelle precedenti 19 gare ufficiali con 10 “clean sheet” – continua a esserci un problema emerso lo scorso anno: si segna troppo poco.

Fatta eccezione per il 3-0 al Monza, nelle altre cinque sfide giocate fin qui i giallorossi non sono mai andati oltre un gol realizzato e sono rimasti a secco a Udine. A mancare è sopratutto il contributo degli attaccanti. Con varie spiegazioni possibili: l’intesa ancora da trovare fra Dybala e i nuovi compagni, la forma non eccezionale di Abraham, Pellegrini e Belotti, gli infortuni di Zaniolo ed El Shaarawy e un’organizzazione di gioco che nel complesso non favorisce le trame offensive.

Incide anche non aver ancora calciato un rigore. Sono appena quattro le reti dei giocatori del reparto offensivo, incluso Pellegrini ancora a digiuno come gli infortunati Zaniolo e El Shaarawy e l’ultimo arrivato Belotti. Una doppietta per Dybala, un timbro a testa per Abraham e Shomurodov, il resto della produzione è arrivato dalla difesa (Smalling e Ibañez) e dal centrocampo (Cristante).

La Roma ha potenziale per competere con tutte, a cominciare da domani a Empoli, dove proverà a interrompere la serie negativa. E per l’occasione Mourinho dovrebbe recuperare proprio Abraham, rimasto fuori dalla trasferta in Bulgaria per la contusione alla spalla rimediata a Udine. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa