Resta in contatto

Prima Squadra

Tiago Pinto: “Non è una partita decisiva, vogliamo vincere. Rinnovo di Zaniolo? Abbiamo due anni”

Le parole del gm giallorosso a pochi minuti dal match di Europa League

Tiago Pinto ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel prepartita di Roma-HJK Helsinki, gara valida per il gruppo C di Europa League. Queste le sue parole:

Matic e Cristante ancora insieme

“Ci sono tante opinioni da fare. Mourinho è uno che capisce di calcio e se li fa giocare insieme è perché possono. Mi piacciono molto. Oggi anche per l’infortunio di Wijnaldum sta giocando così”.

Sono già 90 minuti decisivi?

“Abbiamo solo 6 partite da giocare, è importante per noi. Vogliamo vincere e fare punti. Non direi decisiva perché ne mancano 4”.

Ritorna Zaniolo, sembra tutto pronto per un futuro giallorosso

“Tante volte i giocatori sono più esperte dentro al campo che fuori. Io faccio fatica a dire meglio di quello che ha detto lui ieri. E’ importante per noi e a suo tempo le cose andranno avanti”.

C’è tempo…

“Come ha detto Nicolò mancano due anni”.

Ibanez in Nazionale, un suo giudizio?

“Faccio un po’ fatica a parlare di Roger. Mi ha sempre impressionato molto. Ha beneficiato dell’arrivo di Mourinho. La chiamata della Nazionale è una conseguenza, poi ha anche la capacità di fare tutti i ruoli della difesa a 3 e anche a 2. Ha un futuro molto importante”.

Quanto è felice delle prestazioni di Dybala? Matic e Cristante si assomigliano

“Su Paulo ti dico che tutti noi sappiamo la qualità dentro al campo. Ma quello che sorprende è la sua umiltà, che ha conquistato tutta Trigoria per il suo modo di essere. E’ molto felice qua. Quando un giocatore come lui è felice le cose in campo sono più facili. E’ vero che mi aspettavo più tempo per vedere quello che sta facendo. Per fortuna nostra sta facendo bene. Matic e Cristante è vero che hanno caratteristiche simili, ma hanno grandi qualità e capiscono i loro differenti ruoli. Sono risorse importanti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra