Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il crocevia della Roma

Sfida decisiva prima della sosta per le nazionali

L’occasione è ghiotta. Perché il calendario offre alla Roma la possibilità di rimediare concretamente alla figuraccia di Udine e arrivare alla sosta con il morale alle stelle e una classifica decisamente positiva. Oltre a Roma-Atalanta infatti tra i match di cartello della settima giornata ci sono anche Udinese-Inter e Milan-Napoli, due sfide che coni giusti incastri – e in caso di vittoria dei giallorossi – potrebbero addirittura consentire a Mourinho di chiudere il primo mini-ciclo stagionale da primo in classifica. In caso di successo contro gli uomini di Gasperini e di un doppio pareggio a San Siro e alla Dacia Arena (o se l’Udinese dovesse perdere), Pellegrini e compagni si ritroverebbero primi in solitaria. Uno scenario non scontato, soprattutto perché per tramutarlo in realtà è obbligatorio uscire con i tre punti dalla sfida dell’Olimpico in programma domani alle 18.

Sugli spalti ci sarà ancora il tutto esaurito. Per tentare il colpaccio però in campo dovrà scendere la miglior Roma della stagione. La difesa dell’Atalanta ha subito soltanto 3 gol, in più i nerazzurri – non giocando le coppe – affronteranno la trasferta dopo aver usufruito di sei giorni di riposo. I giallorossi invece sono tornati subito in campo dopo aver battuto l’Helsinki in Europa League e oggi svolgeranno la seduta di rifinitura. L’allenamento di ieri ha riservato una bella sorpresa a Mourinho, che domani potrebbe decidere di schierare Zalewski dal 1′ per far rifiatare Spinazzola: il polacco infatti ha ricominciato ad allenarsi in gruppo e, se anche oggi tutto dovesse filare liscio, si candida per un posto da titolare. Ballottaggio anche sulla fascia destra – potrebbe tornare Celik – e in mediana dove stavolta uno tra Cristante e Matic potrebbe fermarsi sul serio. Con il ritorno di Zaniolo infatti lo Special One si ritrova a fare i conti con un’abbondanza di attaccanti. La stessa situazione vissuta a inizio campionato quando, per schierare contemporaneamente Pellegrini, Zaniolo, Dybala e Abraham, aveva arretrato il capitano a centrocampo vicino a Cristante. Una soluzione che potrebbe essere riproposta anche domani dal tecnico portoghese. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa