Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Roma-Atalanta 0-1: l’urlo rimane in gola, Gasp si rivela indigesto

La Roma esce sconfitta all’Olimpico

RUI PATRICIO 6

Un tiro in porta, quello di Scalvini, ma traiettoria imprendibile.

Trigoria

MANCINI  5,5

Sempre pronto alla battaglia, ma non brillante nei possessi.

SMALLING  7

Sontuoso, al limite dell’impeccabile.

IBANEZ  7

Difende, imposta e attacca, sfiorando anche il gol. È in un momento di forma e si vede.

CELIK  6

Tocca tanti palloni, qualcuno anche interessante. Manca il guizzo risolutivo.

CRISTANTE  6

Grinta e ordine al servizio della squadra.

MATIC 5,5

L’intensità della partita va ad un’altra velocità. Tanti errori, sostituito nella ripresa.

SPINAZZOLA  6

Tanti palloni toccati, mancata la giocata decisiva, che da lui ci si aspetta.

Zaniolo

ZANIOLO 6

Corse perdifiato, occasioni mancate ma anche tanti errori all’interno di una prestazione generosa.

PELLEGRINI  6

Un problema ai flessori lo ha anche frenato, ha provato in tutti i modi a recuperare la partita.

ABRAHAM  5

Si divora due gol incredibili, chiede scusa al pubblico nel momento della sua sostituzione. Calma Tammy, manchi come l’aria.

BELOTTI 6

Ingresso in campo generoso.

SHOMURODOV  5,5

Il voto è la media tra le potenziali occasioni che ha il merito di procurarsi e i sanguinosi errori sotto porta.

ZALEWSKI  6

Palla geniale per Shomurodov nel finale.

MOURINHO  6

La sua Roma gioca, produce ma non concretizza. E Gasp vince all’Olimpico. Sconfitta dolorosa per le ambizioni di alta classifica.

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma