Resta in contatto

Rassegna Stampa

Dybala volato negli Stati Uniti: Mourinho lo riavrà a 48 ore dall’Inter

La Joya verso la permanenza in nazionale

La Roma saluta Paulo Dybala e Lorenzo Pellegrini oltre ad altri 10 calciatori partiti per le rispettive nazionali. L’argentino ha dato forfait nella partita di domenica contro l’Atalanta per un risentimento al flessore sinistro. Durante il riscaldamento ha sentito riacutizzarsi un piccolo dolore riscontrato nei giorni scorsi dopo la gara contro l’Helsinki e Mourinho ha preferito spedirlo in tribuna. Dodici ore dopo era su un volo diretto in Florida per aggregarsi alla nazionale che disputerà le due amichevoli contro l’Honduras a Miami e la Giamaica a New York in preparazione del Mondiale.

I medici della Albiceleste valuteranno l’infortunio, ma è probabile che Paulo resti negli Stati Uniti anche perché non si sarebbe sottoposto a un viaggio di otto ore per rientrare immediatamente in Italia. Scongiurato, dunque, un lungo stop, ma la partenza ha spiazzato Mourinho. Il tecnico era certo di averlo a disposizione per le successive due settimane, come ha spiegato nell’immediato post-partita dell’Olimpico: “Paulo e Lorenzo sono infortunati, vediamo se 15 giorni sono sufficienti per recuperarli”” Differente il caso Pellegrini che ha giocato tutta la partita contro l’Atalanta con un problema al flessore sinistro. Anche lui ha raggiunto la Nazionale a Coverciano, ieri si è allenato a parte ma è possibile che rientri nelle prossime ore. Gli azzurri disputeranno due gare di Nations League contro Inghilterra e Ungheria. Pellegrini non correrà rischi e se sarà necessario rientrerà a Roma per sottoporsi alle terapie. Lo scrive Il Messaggero.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa