Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Spugna: “Grande secondo tempo, i cambi hanno fatto la differenza”

Le parole del tecnico dopo la vittoria per 2-1 contro la Fiorentina

La Roma Femminile ha ritrovato il successo in campionato dopo il ko contro la Juventus. La vittoria sulla Fiorentina, fino ad oggi imbattuta, è arrivata in rimonta grazie ai gol di Haug e Giacinti. Questa l’intervista dell’allenatore, Alessandro Spugna, rilasciata ai canali ufficiali del club dopo il match:

Un’altra rimonta. Sembra che la Roma debba sempre prendere uno schiaffo prima di entrare nell’ordine di idee di far entrare la palla in rete.

“Speriamo che non diventi un’abitudine, altrimenti le mie coronarie faranno fatica. È stata una grande partita, specie nel secondo tempo, perché se vai in svantaggio contro una squadra che fa delle ripartenze la propria arma migliore, poi diventa difficile. Invece siamo state brave a riprendere in mano la gara e a fare un secondo tempo alla grande, vincere la partita e avere anche due o tre situazioni verso la fine per chiuderla. Sono tre punti meritati. Anzi quasi quasi sono sei, per come si era messa. Era veramente complicata”.

La Roma è stata sempre in controllo.

“È dall’inizio della stagione che siamo in controllo delle partite. Oggi forse dopo il gol della Fiorentina abbiamo perso un po’ di equilibrio, ci siamo disunite un po’, ma ci poteva stare, perché si è fatta sentire la fatica della partita di giovedì scorso (con lo Sparta Praga, ndr).  Siamo state molto brave a riprenderla. In questo momento, la forza è tutta la rosa, perché ci sono stati dei cambi e i cambi anche oggi hanno fatto la differenza, e abbiamo vinto la partita”.

Ora riposo, poi testa alla sfida di giovedì con lo Sparta Praga.

“Assolutamente sì. Adesso meritato riposo, e da lunedì inizieremo a pensare a questa partita veramente speciale, perché ci potrebbe dare la qualificazione ai gironi di Women’s Champions League. Significherebbe essere tra le 16 migliori squadre d’Europa. Sarebbe veramente un sogno”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile