Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, ottimismo per Pellegrini e Dybala

Mou recupera due pezzi importanti per la sfida di San Siro

Ottimismo per Lorenzo Pellegrini, attesa per Paulo Dybala e fiducia nella statistica per Stephan El Shaarawy. Inter-Roma si avvicina, intrecciandosi alle partite delle Nazionali, con gli allenatori che si dividono tra il lavoro di recupero degli infortunati e le pratiche scaramantiche per riavere tutti i calciatori in salute di ritorno dagli impegni internazionali. Pellegrini continua il lavoro, in parte individuale e in parte in gruppo, lasciando buoni segnali in vista della partita di sabato (alle 18). I prossimi due giorni saranno quelli decisivi, aumentando i carichi di lavoro sotto il controllo dello staff di Mourinho. La presenza del capitano giallorosso è doppiamente importante: per la leadership che garantisce e per la duttilità tattica, che gli permette di giocare sia sulla trequarti (in questo caso al posto di Dybala) che sulla mediana (al posto di uno tra Cristante e Matic).

Il discorso su Dybala, che si era fermato nel riscaldamento di Roma-Atalanta per via di un risentimento muscolare, è strettamente legato al suo impiego o meno nell’amichevole Argentina-Giamaica, che si giocherà nella notte tra oggi e domani (alle 2 ora italiana). Paulo ha saltato per precauzione la prima amichevole dell’Albiceleste ma poi si è allenato con il gruppo e andrà quanto meno in panchina. Secondo la stampa argentina il c.t. Scaloni lo impiegherà a partita in corso. Tornerà in Italia alla vigilia della partita e poi Mourinho deciderà se impiegarlo a San Siro. Torneranno a disposizione dello Special One sia Kumbulla che El Shaarawy. Il primo garantisce possibili rotazioni tra i centrali (ma non sabato) e il secondo ha un ottimo feeling con lo stadio che aveva già vissuto da protagonista con la maglia del Milan. El Shaarawy è un’altra carta che Mourinho potrebbe usare a partita in corso. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa