Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Moratti: “C’è delusione nell’ambiente Inter, la Roma può essere una sorpresa”

E su Mourinho: “Le sue caratteristiche sono sempre le stesse: professionalità e attenzione ai dettagli”

Massimo Moratti, ex Presidente dell’Inter ,è intervenuto ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Centro Suono Sport 101.5 durante la trasmissione Crossover. Queste le sue parole sull’imminente sfida di campionato tra Inter e Roma:

Un pensiero su Inter-Roma? 

“L’Inter ha la necessità di far bene perché l’ultimo periodo è stato difficile. L’assenza di Lukaku sta pesando moltissimo perché è il calciatore più importante della squadra. Ho la sensazione che l’Inter abbia accusato il colpo dello scorso anno: c’è delusione nell’ambiente. I nerazzurri hanno bisogno di una scossa per ripartire. La Roma sta sicuramente meglio e vuole trovare continuità. È una squadra divertente e può essere una sorpresa”.

Che Mourinho sta vedendo al secondo anno a Roma? 

“Le sue caratteristiche sono sempre le stesse: professionalità e grande attenzione ai dettagli. Ha sicuramente l’ambizione di fare meglio della scorsa stagione. Non credo ci siano differenze rispetto al primo anno. Con me non è mai stato un allenatore insistente con gli acquisti, seguiva moltissimo il mercato, ma lavoravamo insieme con la società”.

Dybala avrebbe fatto comodo all’Inter? 

“È un grandissimo giocatore e qualsiasi tifoso nerazzurro lo avrebbe voluto, però la società ha fatto altre scelte”.

Un pensiero sulle proprietà straniere in Italia 

“Molti americani si stanno appassionando al calcio e stanno cercando di investire in Italia perché sono interessati a sviluppare lo spettacolo dell’evento sportivo. Siamo destinati positivamente all’arrivo di altre proprietà straniere”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News