Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Mancini: “La mancata qualificazione ai Mondiali ancora non mi passa, ma sentivo ancora la fiducia di tutti”

Il Ct Mancini: “Si può sbagliare, basta chiedere scusa ai compagni e tornare”

Roberto Mancini ha rilasciato alcune dichiarazioni a margine dell’evento Social Football Summit allo Stadio Olimpico. Ecco le sue parole:

Abbiamo portato a casa due vittoria importanti negli ultimi due match quindi stiamo vivendo un momento positivo. Ancora però non mi passa la mancata qualificazione ai Mondiali, ancora ci penso. Allo stesso tempo, però, c’è orgoglio per aver battuto due squadre forti come Inghilterra e Ungheria. La Nazionale Italia ha regalato qualche delusione di troppo, ma alla fine porta a casa sempre risultati e titoli negli anni.

La Nazionale dà delusioni ma anche grande soddisfazione, ha un palmares tra i migliori al mondo. Si deve migliorare qualcosa, dare fiducia ai ragazzi più giovani. All’inizio abbiamo fatto errori e si riparte da lì, ma è impossibile che un ragazzo giovane faccia subito tutto giusto. Forse solo Messi. Si può sbagliare, lo dico sempre, e per questo le porte della Nazionale sono aperte a tutti, anche a chi ha sbagliato, basta chiedere scusa ai compagni e tornare. Ai giovani va data la possibilità di giocare e sbagliare.

Dopo il ko contro la Macedonia ho cercato di capire cosa fosse andato male. Nonostante la mancata qualificazione sentivo ancora la fiducia di tutti quindi sono rimasto. Il ruolo del Ct della Nazionale però ti porta gioia perché sai che dietro di te hai un popolo intero”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News