Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Rocchi torna sul derby del 2017: “Mi ero perso un rigore”

L’ex arbitro: “Da quel giorno ho capìto che questo strumento mi avrebbe cambiato la vita”

Intervenuto ai Football Summit Awards, l’ex arbitro Gianluca Rocchi è tornato a parlare del derby tra Roma e Lazio del 2017. Di seguito le sue parole.

“L’arbitro è un riferimento per le partite nel bene o nel male. Magari a voi fa arrabbiare. Spesso è indicato come un ruolo che toglie qualcosa a qualcun altro ma in realtà fa rispettare le regole in maniera chiara. L’arbitro prende tante decisioni che non hanno a che fare con il regolamento ma con l’emotività. Il suo primo obiettivo è prendersi cura del risultato. L’arbitro è un egoista e deve avere tanta personalità. Si deve sentire il migliore in campo durante le gare. L’altro obiettivo è che nessun calciatore si faccia male. Io ho arbitrato 17 anni di cui 14 senza tecnologia. Chi non sta male per il proprio errore non è un professionista. Nella sala c’è un addetto al Var e un Avar. Hanno degli schermi di cui uno rallentato di 3 secondi. Un Var è un arbitro ma deve aver anche tanta esperienza con la tecnologia. All’inizio non sapevo che il Var potesse essere così importante. Durante il derby, che io considero una delle migliori partite, mi ero perso un rigore e sono stato richiamato al monitor. Da quel giorno ho capìto che questo strumento mi avrebbe cambiato la vita e dopo la partita ho ricevuto i complimenti di tutti”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News