Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Delvecchio: “Roma da scudetto, Dybala fortissimo. Devo tutto al club giallorosso”

Le parole dell’ex attaccante: “Mi piace il carattere di Mourinho. Ha carisma e personalità, trasmette tanto sia alla squadra sia ai tifosi”

Intervenuto a Playroma, Marco Delvecchio ha parlato della Roma. Di seguito le sue dichiarazioni.

“La cosa più bella di Roma è la gente. Poi la città è meravigliosa, come il clima. La cosa più bella di Milano è la mia famiglia, che è rimasta a vivere lì”.

Inter-Roma è la partita fra le due società che hanno segnato la mia carriera. L’Inter mi ha permesso di giocare in Serie A, la Roma mi ha permesso di affermarmi a grandi livelli. Quello che ho adesso, quello che sono diventato, lo devo alla Roma”.

“Di Mourinho mi piace il suo carattere. Ha carisma e personalità, trasmette tanto sia alla squadra sia ai tifosi. Allo stesso tempo, però, a volte potrebbe controllarsi di più: il suo pregio più grande a volte è anche il suo difetto più grande”.

“La Roma crea tanto e segna poco. Come si risolve il problema? Si risolve facendo gol. È vero che in questo momento gli attaccanti sono in difficoltà, non concretizzano le occasioni a loro disposizione, ma sono convinto sia solo un periodo poco fortunato. Sono sicuro che la Roma riuscirà a sbloccarsi anche sotto questo punto di vista e tornerà a segnare molto”.

Abraham è un giocatore carismatico, di personalità. Spesso ha trascinato la squadra, ci sta un periodo di flessione. Sono sicuro che presto si sbloccherà e tornerà sui livelli a cui ci ha abituato. Ora, però, è più lui ad aver bisogno dell’aiuto della squadra che il contrario”.

Dybala è un grandissimo giocatore, ma Batistuta era un’altra cosa sia a livello di personalità e di peso nello spogliatoio, sia per l’iconicità della sua figura”.

Zaniolo ha già fatto tanto per l’età che ha. Per la consacrazione definitiva gli manca la continuità: deve giocare 3-4 stagioni ad alto livello sia nel club sia nella nazionale”.

“Il campionato è equilibrato, non vedo una squadra che possa vincere facilmente ammazzando la competizione. Ci possono credere tutti. Se la Roma dovesse trovarsi in gioco a marzo-aprile sognare non sarebbe impossibile. L’obiettivo minimo per i giallorossi è la Champions, un posto fra le prime 4 devono assolutamente raggiungerlo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News