Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’ora Dzeko scatta sempre con la Roma

Il bosniaco sfida nuovamente la sua ex squadra

La parola d’ordine è rispettare la tradizione positiva da ex iniziata lo scorso anno. Edin Dzeko sarà protagonista sabato pomeriggio contro la “sua” Roma esattamente come lo è stato nel 2021-22, quando l’Inter ha centrato (Coppa Italia compresa) tre successi su tre con i giallorossi.

Le esigue speranze che Romelu Lukaku potesse recuperare in tempo per essere a disposizione contro la formazione di Mourinho sono definitivamente svanite ieri visto che Big Rom ha continuato il suo specifi co lavoro di riatletizzazione sul campo. A questo punto, a meno di un inatteso colpo di scena (dovrebbe tornare oggi in gruppo, cosa ieri sera non prevista), il belga vedrà dalla tribuna il match di sabato.

La città eterna resterà per sempre la sua seconda casa e l’affetto del popolo giallorosso gli è rimasto addosso. Edin però sa che, per vincere qualche altro trofeo a Milano, l’Inter ha bisogno di ripartire forte dopo la sosta e con un suo gol “pesante””dimenticare il ko di Udine sarebbe più semplice.

Nei primi due incroci del 2021-22 Dzeko ha dato altrettanti dispiaceri alla Roma: suo il momentaneo 2-0 nel successo (3-0) all’Olimpico, il 4 dicembre 2021; suo anche l’1-0 nei quarti di finale di Coppa Italia (2-0) dell’8 febbraio 2022. Nel terzo round, il 23 aprile, non è finito nel tabellino dei marcatori, ma si è comunque preso i tre punti.

È pronto a recitare la sua parte, anche se questo vorrà dire regalare un altro dispiacere agli ex compagni giallorossi, con i quali ha condiviso tanti bei ricordi, e a Mourinho, un allenatore che non lo avrebbe mai lasciato partire. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa