Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Filo diretto col Giappone: spunta il terzino Riku Handa

La Roma a novembre sarà in Giappone. E sul mercato Pinto punta Riku Handa

Un filo diretto, quello con il mercato asiatico, che la Roma ha intenzione di continuare a tessere. Il primo passo era arrivato con la comparsa del marchio Toyota – particolarmente caro ai Friedkin – sulle divise da allenamento delle squadre giallorosse, ieri l’annuncio della mini-tournée in Giappone in programma l’ultima settimana di novembre.

Ma non è tutto perché nei giorni scorsi Daisuke Shibusava, direttore sportivo del Montedio Yamagata, è stato avvistato a Trigoria in compagnia del terzino dell’Under 21 giapponese Riku Handa (in Italia per gli impegni con la sua Nazionale). Una visita propedeutica ad alcuni eventi in programma durante la permanenza in Asia, che magari un giorno potrebbe anche trasformarsi in un’opportunità di mercato.

La partenza del gruppo giallorosso è fissata per martedì 22, mentre il rientro in Italia è previsto il 29: una settimana di eventi e impegni sul campo volta ad accrescere la popolarità del marchio As Roma tra i tifosi giapponesi e provare a stringere nuove importanti sinergie volte ad aumentare i ricavi.

Durante soggiorno nel Paese del Sol Levante, José Mourinho e i giocatori che non prenderanno parte al Mondiale in Qatar parteciperanno all’Eurojapan Cup. Il torneo prevede due amichevoli: la prima con il Nagoya Grampus al Toyota Stadium il 25 novembre, la seconda il 28 con lo Yokohama F. Marinos al Japan National Stadium di Tokyo. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa