Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Inter-Roma 1-2, la moviola dei quotidiani: ok Massa, giusto annullare il gol di Dzeko

La moviola della sfida di San Siro

LA GAZZETTA DELLO SPORT – Gara tutt’altro che facile e che in certi casi ha fiammate difficili da gestire. Per esempio quando scatta il vantaggio definitivo della Roma: Massa si accorge di non aver sanzionato subito una maglia tirata (a Mancini) da parte di Dzeko, torna sui propri passi e decreta la punizione giusta. Nella situazione dell’1-2 c’è un check per valutare una posizione di fuorigioco: il Var (Mazzoleni) certifica che la posizione di Cristante non impatta minimamente sull’azione che porta al gol di Smalling.

Nel primo tempo, gol annullato a Dzeko: la sua posizione è “offside” quando, dentro l’area, riceve il pallone da Lautaro. Giusto cancellare il gol. Zaniolo ha rischiato il cartellino giallo 3’ prima della reale sanzione (su Asllani), anche Calhanoglu (al 21’ p.t.). Non c’è fallo al 93’ su Lautaro: Abraham va sulla palla e travolge il compagno Camara. Voto: 6.

IL CORRIERE DELLO SPORT – Non benissimo Massa, a certi livelli servono partite perfette, non è in forma: ritarda nell’ammonire Asllani dopo un chiaro step on foot (il pestone) su Cristante e nel fischiare punizione (che c’è, è Dzeko che trattiene per la maglietta Mancini), interrompe il gioco sulla ripartenza dell’Inter per soccorrere Camara: o fischi subito, oppure… Esagerate le 7 ammonizione.

Annullato il gol di Dzeko, nessuna irregolarità sull’azione, ma l’attaccante ex Roma è oltre la linea difensiva giallorossa, fissata da Ibanez, l’assistente Passeri non alza ci pensa Mazzoleni da Lissone. Ok la rete di Dimarco. Buona anche quella dell’1-2 realizzata da Smalling. Voto: 5.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa