Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La vendetta di Dybala. Fischi, gol e festa: “Partita magnifica”

Che serata per il talento argentino

Quella di suscitare nostalgie è arte nobile, delicata, che prevede inevitabilmente la vetrina, ma a volte consiglia di non maramaldeggiare perché il destino non ama troppo i gradassi.

Paulo Dybala, a San Siro, ha saputo farlo in punta di piedi, prendendo i fischi dei tifosi nerazzurri – erano solo di paura, nulla di più – e godendosi l’ovazione dei 4mila giallorossi quando ha segnato la rete del pari.
Chissà cosa avrà pensato Beppe Marotta, principale estimatore della Joya, negli attimi in cui il suo ex pupillo in bianconero colpiva la palla che faceva ruotare la partita sul proprio asse. Non è un mistero che l’attaccante aveva già un patto per approdare all’Inter se la questione ingaggio non avesse fatto rallentare la trattativa fino al sorpasso di Lukaku.

Alla fine, facendo un passo indietro economico, Dybala ha scelto la Roma e il suo progetto, sponsorizzato dalla corte serrata di José Mourinho. E così, alla società di Zhang, non resta che leggere i numeri della Joya e far lievitare i rimpianti.

Sono cifre che raccontano tanto. L’argentino, infatti, è andato a segno in 4 delle ultime 5 partite di campionato contro l’Inter, mentre prima non aveva realizzato reti in nessuna delle dieci sfide contro i nerazzurri in Serie A. Non basta. Dalla stagione 2019-20 Dybala ha segnato 4 gol contro l’Inter. In questo tempo nessun altro ha rifilato più graffi ai nerazzurri nel massimo campionato.

“Sono molto felice per la vittoria in un campo così difficile come quello di San Siro – scrive la Joya sui social -. Abbiamo fatto una magnifica prestazione. Adesso dobbiamo continuare così“. Se ci sarà lui in campo, tutto potrebbe essere possibile.  Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa