Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Le luci della Roma abbagliano l’Inter: Mourinho e Dybala, rimpianti a San Siro

Notte Special per la Roma di Mou

La Roma che vince a San Siro è una spaccatura nel campionato, ha divaricato una faglia che separa chi sta di là e chi sta di qua. L’Inter sta di là, come se a portarla via fosse una lenta deriva della quale non ha piena contezza: non gioca nemmeno male, fa anche delle cose buone, sul piano di una giustizia teorica non avrebbe meritato di perdere (e magari avrebbe vinto se la punizione di Çalhanoglu dopo un’ora non si fosse stampata sul legno), ha una trama, delle idee e anche l’indulgenza del pubblico, che alla fine ha applaudito senza remore, ma nel calcio spesso il quadro generale è ingannevole: le partite sono una somma di piccole cose che l’Inter non sa addizionare mentre la Roma le ha agganciate una all’altra a farne catena.

La Roma è una squadra padrona di sé e l’Inter no: è questo che ha operato la spaccatura.  È stata una sfida di difetti e magie, come il gol che il mancino Dimarco ha segnato di destro in controtempo (assist di Barella) o quello che Dybala ha firmato col suo prezioso mancino, in démi-volée su cross di Spinazzola (ma che fiacchezza i due portieri, in entrambe le circostanze).

Festeggiando l’1-1, arrivato dopo un lungo periodo di supremazia nerazzurra, Mancini ha detto ai compagni: “Dai, siamo più forti noi”. Ha cominciato a vincere in quel momento. “Non lo dicevo tanto per dire»” spiegherà alla fine il difensore, “è che proprio ci sentivamo superiori”.

I nerazzurri hanno continue soluzioni di continuità e perciò non mettono soggezione, manca loro resistenza e si lasciano sopraffare dai momenti di pericolo: così hanno preso il 2-1 di Smalling, svettante su una difesa che in queste situazioni ha sempre un riflesso rallentato. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa