Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Smalling: “Siamo forti e io voglio segnare ancora”

Tutta la gioia del difensore inglese

La festa finale ha come “front man” Mancini. “Sapevamo di essere più forti. Ci sentivamo così e l’abbiamo dimostrato in campo. Chi ha giocato a calcio sente questa consapevolezza che ci deve essere sempre, ma può capitare che a volte venga meno. Stavolta c’era. Dopo l’1-1 io ho detto questa frase («siamo più forti»), ma anche loro lo sapevano. A fine primo tempo ce lo siamo ripetuti tantissime volte, e la Roma è stata più forte dell’Inter. D’altronde ci sono delle partite dove ti senti superiore. Non è per fare il fenomeno, però lo sentivamo e lo abbiamo dimostrato. Dopo la Conference abbiamo più consapevolezza“.

Gli fa eco Cristante: “In partite così ci vuole anche quella. Quando senti che nella partita sei superiore, ci vuole dirlo anche per caricarti e darti più spinta, quella che fa la differenza. Negli ultimi anni abbiamo fatto fatica negli scontri diretti soprattutto fuori casa. Stavolta abbiamo meritato di vincere“.
I titoli di coda li lasciamo per il migliore in campo, Chris Smalling. “Sono molto felice per la vittoria – dice in italiano -. Questa partita era troppo importante da vincere. Tutti hanno lottato fino all’ultimo minuto. C’è stato un grande spirito di squadra. In questa stagione abbiamo una squadra molto forte. Abbiamo grandi obiettivi da raggiungere e io spero di poter continuare a segnare altri gol“. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa