Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il rimpianto: c’era pure il sì di Zhang per Paulo in nerazzurro. Ma Inzaghi votò Correa

Il talento argentino è stato ad un passo dall’Inter prima di accettare la Roma. L’allenatore interista bloccò tutto

Vedendo il gol di Dybala durante Inter-Roma non c’è un nerazzurro che non abbia pensato a quel che poteva essere e non è stato. L’Inter aveva fatto tutti i passi necessari per l’argentino, ma l’operazione non si è concretizzata perché per portare a termine un affare simile la convinzione deve essere totale da tutte le componenti e nell’Inter così non è stato o almeno non lo è stato a più riprese.

La prima a giugno quando si è aperta la possibilità di riportare a Milano Lukaku e lo staff tecnico ha messo l’arrivo del belga in prima fila rispetto a qualsiasi altra scelta. La seconda risale al 5 luglio quando, durante la conferenza stampa di presentazione della stagione, Marotta fa capire che su Dybala l’Inter c’è ancora. Pure il presidente Steven Zhang era favorevole, il suo via libera era condizionato all’addio di un attaccante in rosa e Correa era l’indiziato a partire.

A quel punto Inzaghi ha difeso con forza l’acquisto dell’ex Lazio e non ha mai spinto per Dybala. La società, quindi, si è fermata, non ha trovato una soluzione in uscita per Correa e ha mollato la presa su Dybala.

Bisogna anche raccontare che quando ormai la Joya aveva scelto la Roma, da Marotta partì un’ultima telefonata: più che un estremo tentativo, voleva essere la presa di coscienza definitiva sulla destinazione.

Si legge su La Gazzetta dello Sport

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa