Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, tra Betis e Lecce solo un mini turnover

Zalewski può far rifiatare Spinazzola. Spazio a Camara contro i salentini. Possibile panchina per Dybala giovedì sera

Prima il Betis, poi il Lecce. E poi altre partite ravvicinate tra campionato e coppa che porteranno inevitabilmente Mourinho a cambiare qualcosa nella sua formazione titolare. Perché la Roma dovrà giocare undici partite nel giro di trentasette giorni: tanti impegni ogni tre-quattro giorni che stresseranno i muscoli (e forse anche i nervi) dei giocatori che avranno bisogno di riposo.

E allora Mourinho può sorridere nell’aver ritrovato diversi giocatori a disposizione dopo il momento negativo vissuto con gli infortunati tra la fine di agosto e la prima pausa per le nazionali.

Rui Patricio nonostante un momento non felice tra i pali resta il titolare della doppia partita. In difesa riposerà Smalling. Il difensore giocherà dal primo minuto contro il Betis, per una partita davvero importante per acciuffare il primo posto nel girone, mentre con il Lecce potrà beneficiare di un turno di riposo lasciando spazio al rientrato Kumbulla, pronto a posizionarsi a sinistra con Ibanez a scalare al centro della difesa.

Il cambio contro gli spagnoli riguarderà la fascia sinistra, con l’inserimento di Nicola Zalewski al posto di Spinazzola, autore di un’ottima ma stancante prestazione contro l’Inter. Il polacco si riprenderà la sua corsia in Europa League, mentre contro il Lecce potrebbe scalare a destra, stavolta per concedere a Celik di recuperare le energie.

Matic e Cristante giocheranno contro la formazione di Manuel Pellegrini mentre contro i salentini Mourinho può concedere dello spazio a Camara, per quella che sarebbe la prima da titolare con la Roma. Doppio cambio a centrocampo? Dipenderà dalle condizioni dell’altro Pellegrini, quello giallorosso.

Dybala vuole giocare entrambe le partite ma visti i crampi avvertiti a San Siro non è escluso che possa partire dalla panchina contro il Betis, magari favorendo il doppio centravanti Belotti–Abraham. Ci penserà Mourinho quest’oggi nella seduta di rifinitura, studiando e ragionando sulle soluzioni che adesso fortunatamente ha a disposizione.

Si legge sul Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa