Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Un tappeto di rifiuti in piazza del Popolo. Quattromila spagnoli del Betis devastano il centro storico

Centinaia di tifosi andalusi si sono radunati sotto l’obelisco. Piazza lasciata in condizioni decorose

Caos e degrado nel centro storico. A rendersi protagonisti di una giornata più che movimentata nel cuore dalla Capitale sono stati i tifosi del Real Betis, arrivati nella Capitale da Siviglia per assistere alla gara di Europa League contro la Roma di José Mourinho. Dopo essersi resi protagonisti di una serata violenta nella notte tra mercoledì e giovedì, con lanci di bottiglie a Trastevere, ieri gli ultras biancoverdi hanno monopolizzato piazza del Popolo.

Centinaia di sostenitori spagnoli si sono radunati sotto l’obelisco – a due passi da via del Corso – per trascorrere un lungo prepartita tra alcol, vandalismo, fumogeni e cori, in attesa di essere scortati all’Olimpico. Nessun incidente o danneggiamento, ma gli andalusi hanno lasciato la piazza in condizioni indecorose.

Che per le forze dell’ordine impegnate a contenere l’impeto dei 4000 andalusi arrivati a Roma non sarebbero state 48 ore semplici, lo si era intuito già mercoledì sera, quando a Trastevere si è reso necessario l’intervento di un blindato della celere. I poliziotti sono arrivati in piazza San Calisto, dove più di 250 tifosi del Betis sono stati allontanati.

Gli spagnoli infatti, dopo aver esaurito le scorte di birra del locale che avevano preso d’assalto, hanno iniziato a lanciare bottiglie vuote e bicchieri in segno di protesta. L’intervento della celere è stato sollecitato da alcuni agenti del Commissariato San Lorenzo, che stavano già pattugliando l’area quando i tifosi hanno aggredito i gestori del locale. Anche in questo caso non ci sono stati danni a cose o persone, ma il passaggio degli ultras del Betis non sarà dimenticato facilmente.

Si legge su Il Tempo

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa