Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il dramma sul volto di Dybala: anche il Mondiale a rischio

L’argentino rischia di tornare nel 2023

Dybala sta male. Probabilmente molto male. Perdiamo un giocatore a partita“. La doccia fredda arriva direttamente da José Mourinho che si presenta davanti alle telecamere con il volto scuro e la consapevolezza di aver perso il suo miglior giocatore per un tempo ancora da definire: “È difficile che torni prima del 2023”. Anche il Mondiale è a rischio perché dipenderà dal tipo di lesione rimediata, ma la – parziale – certezza del portoghese è che con la Roma non giocherà più fino a gennaio. Una perdita enorme per la squadra che in Dybala aveva l’unico attaccante capace di concretizzare le palle gol. Il terminale offensivo ideale, l’uomo che ha dato respiro all’attacco fino a questo punto della stagione. Fatale è stato il calcio di rigore guadagnato da Abraham, mentre l’Olimpico esultava per il vantaggio lui aveva capito che qualcosa non andava. Si è toccato la coscia sinistra mentre i compagni lo abbracciavano, ha chiesto immediatamente il cambio e si è accomodato in panchina.

Volto scuro, occhi lucidi, una enorme fasciatura sulla coscia a fissare il ghiaccio nella parte anteriore. Parlottava con il preparatore accanto lui, non riusciva nemmeno a distendere la gamba, poi si è tolto la maglia e la pettorina e con un gesto di stizza l’ha lanciata. Nelle prossime ore si sottoporrà a esami strumentali per capire il grado della lesione e il tempo che ci vorrà per recuperare. Un’assenza che lascia Mourinho senza parole: “Non aveva problemi dopo la partita con il Betis, stava bene. Lui e Pellegrini erano in perfette condizioni. Io non rischio i giocatori in dubbio”, ha assicurato. Il vero spettro, però, è quella fragilità palesata negli ultimi anni nella Juventusche poi ha portato i bianconeri a lasciarselo sfuggire a parametro zero. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa