Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stadio della Roma, il primo passo: si apre la conferenza dei servizi

Primi passi verso il “pubblico interesse” del nuovo progetto dello Stadio della Roma

Sono trascorsi nove giorni dall’incontro tanto atteso tra il sindaco di Roma Roberto Gualtieri e il Ceo del club giallorosso Pietro Berardi. Il primo importante tassello per la costruzione del nuovo stadio, il primo passo per procedere all’ter del progetto Pietralata con la consegna al Comune del dossier di fattibilità tecnico-economica dell’impianto che sorgerà nel quadrante nord-est della capitale.

A distanza di nove giorni, oggi l’iter amministrativo è pronto a partire. Questa mattina negli uffici della Regione Lazio, è atteso l’avvio della conferenza dei servizi preliminare, che riunirà tutte le componenti interessate al dossier Pietralata: il Comune, la Città Metropolitana, la Regione e lo Stato. Si affronteranno i temi relativi alla mobilità, le infrastrutture e i sotto-servizi. Senza dimenticare le analisi VIA, Valutazione dell’Impatto Ambientale, e VAS, Valutazione Ambientale Strategica.

La famigerata conferenza dei servizi avrà novanta giorni di tempo per stabilire se esistono motivi ostativi all’approvazione del progetto. Se così fosse, scatterebbe una segnalazione ai proponenti per richiedere degli aggiustamenti sulla documentazione. All’inizio di gennaio i Friedkin riceveranno quindi le prime risposte, sperando nella fumata bianca per poi far partire la procedura amministrativa che porterà al bollino comunale del “pubblico interesse”.  Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa