Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Spugna: “Stiamo acquisendo una mentalità importante”

L’allenatore della Roma Femminile dopo la vittoria contro il Sassuolo: “Tre punti fondamentali”

Alessandro Spugna ha parlato ai microfoni della Roma dopo la vittoria contro il Sassuolo. Di seguito le parole dell’allenatore delle giallorosse.

Partita molto complicata, ma sono 3 punti fondamentali per mantenersi vicini alla testa alla classifica.
“Assolutamente sì. Tre punti fondamentali. Partita complicata, ma lo sapevamo, lo avevamo detto prima della gara che saremmo venuti su un campo difficile. Loro hanno un punto in classifica, ma lo hanno fatto con la Juve e oggi hanno rischiato di portarlo a casa anche contro di noi.
Alle ragazze non devo dire nulla, perché abbiamo fatto la partita e le chanche le abbiamo avute. È chiaro che se non sfrutti le occasioni avute nei primi dieci, quindici minuti, poi le partite si complicano. Fa parte del gioco del calcio.
Ma io sono contento di una squadra che ci ha provato sempre, dall’1′ al 96′. E questo poi ti premia. Vuol dire che la squadra sta acquisendo una mentalità importante”.

I dati parlano di un dominio assoluto, l’1-0 va stretto.
“Sì, va stretto, ma non è semplice giocare quando c’è tanta densità, soprattutto in area di rigore. Su tutte le nostre conclusioni c’era sempre una gamba, un piede, c’era qualcosa che ci impediva di fare gol. Ripeto, la cosa importante è averci creduto fino al 96′ e alla fine siamo state premiate, riuscendo a portare a casa 3 punti fondamentali”.

Sono già due partite che Elisa Bartoli si rivela decisiva.
“Lei caratterialmente è così. Non molla mai. Non ha mollato fino al 96′ ed è il giusto premio per una stagione che sta facendo ad altissimo livello”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile