Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il ballottaggio: Tammy spera, Belotti corre

Abraham e Belotti, il ballottaggio continua

Decisione in volata: Belotti o Abraham, Abraham o Belotti. Nell’allenamento di rifinitura Mourinho, senza comunicare nulla alla squadra, ha schierato insieme i due centravanti, forse per stimolarli a dimostrare di meritare il posto fino all’ultimo pallone. Un paio d’ore prima della partita contro la Sampdoria, durante la riunione tecnica in albergo, il mistero verrà svelato.

Tutti e due hanno buone ragioni per essere scelti: Belotti perché ha segnato un gol e mezzo a Siviglia, Abraham perché deve ritrovarsi il prima possibile per sostenere le ambizioni della Roma. Di sicuro giocheranno entrambi, nel corso della serata.

E non è detto che il protagonista debba essere colui che comincia. Abraham tra l’altro viene da due panchine consecutive in campionato: la terza suonerebbe come un ribaltamento delle gerarchie, non definitivo ma almeno indicativo.

Belotti da parte sua si fa preferire per lo stato di forma – un vecchio adagio del calcio ricorda: un attaccante che segna non si toglie mai – e perché potrebbe essere più fresco: Mourinho lo ha sostituito negli ultimi venti minuti contro il Betis.

Se valessero i test della rifinitura, la soluzione sarebbe sorprendente: Pellegrini era a centrocampo con Cristante (fuori Matic), Zaniolo faceva il trequartista dietro alla coppia di bomber. Ma non è detto che sia una strategia da adottare dal primo minuto. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa