Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Non è il Rui di un anno fa, ma resta un punto fermo

Titolarissimo nonostante le prestazioni non brillanti. In Portogallo si sussurra che conviva con un fastidio alla schiena

Non è (solo) una questione di numeri. Per quanto in allenamento Svilar dia sempre il massimo e più di qualcuno a Trigoria pensi che presto possa arrivare, anche in campionato, il suo momento, il portiere titolare, titolarissimo, della Roma è Rui Patricio. Nonostante le prestazioni del portoghese non siano brillanti come nella seconda fase della scorsa stagione, Rui era e resta un punto fermo per l’allenatore e i compagni. I numeri, sostanzialmente, sono uguali a un anno fa: 9 gol subiti in 9 partite in Serie A, porta inviolata in 3 occasioni al contrario delle 4 del 2021.

Eppure c’è la sensazione che, tra errori e sfortuna, Rui Patricio non sia, ancora, quello del primo anno da romanista. Non è solo una questione di numeri: non lo aiuta, certamente, la difesa della Roma, intesa come fase di tutta la squadra, meno coperta rispetto al passato. E non lo aiuta neppure il fatto che il rendimento difensivo non cambi tra Italia e Europa: 12 partite, 12 reti incassate, 90′ senza subire gol contro Salernitana, Cremonese, Monza e Helsinki. Infine, non lo aiuta la concreta possibilità di partecipare sì al Mondiale ma senza essere titolare. In Portogallo si sussurra che da qualche tempo conviva con un piccolo fastidio alla schiena, ma da Trigoria nessuno conferma e, anzi, Rui Patricio viene descritto come un giocatore molto attenti agli allenamenti personalizzati (yoga compreso) e a tutti quei piccoli grandi dettagli che sono fondamentali per un calciatore di 34 anni.

Lo scrive Il Corriere dello Sport

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa