Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Chris, il ministro della Difesa

Smalling sempre più padrone della difesa della Roma

Il viaggio in Liguria per il risultato perfetto (e per il quarto posto in solitudine): così vuole vincere Mourinho. Con un gol di scarto e preferibilmente senza prenderne. La Roma, insomma, a sua immagine e somiglianza. Come ieri sera a Marassi contro la Sampdoria.  Questa è la Roma che preferisce. Equilibrata, compatta e concreta.

È andato a dama proprio nel pomeriggio in cui ha presentato un assetto spregiudicato: Abraham, Belotti, El Shaarawy, Pellegrini e Zalewki. La metà dei giocatori di movimento hanno caratteristiche offensive. Eppure è stata la fase difensiva a certificare questo settimo successo in campionato, il sesto ottenuto con una rete di scarto, il terzo per 1-0, dopo quelli contro la Salernitana in trasferta e la Cremonese in casa.

C’è riuscito puntando sul ministro della Difesa: Smalling. Fin qui Chris era stato decisivo più avanti che dietro, miglior marcatore, con 3 gol, dopo Dybala. A Genova l’inglese ha ancora avuto il peso del centravanti. Ma nell’area davanti a Rui Patricio. Ha dato tranquillità al portiere e ha guidato i suoi compagni di reparto Mancini e Ibanez.

Stankovic ha usato tutti i suoi attaccanti. Da Caputo a Gabbiadini, da Pussetto a Quagliarella, da Djuricic al tiratore scelto Sabiri. Niente da fare, il muro di Greenwich ha tenuto, come del resto è accaduto spesso da quando c’è Mou a Trigoria. Elegante e robusto. Fisicamente padrone della situazione dall’alto dei suoi 194 centimetri e tosto nei suoi 90 chili. Straordinario. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa